Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone

S. AntonioIl 17 gennaio, con la Festa di Sant’Antonio Abate, si apre il ciclo di carnevale e le rappresentazioni, che ancora oggi si svolgono in Abruzzo, evidenziano una genuina testimonianza della tradizione giullaresca legata al periodo del carnevale. La figura di santo anacoreta presentataci dai motivi agiografici e religiosi viene stravolta dalla letteratura burlesca di origine e gusto popolaresco. Le vicende della vita agiografica, le leggende medievali a lui connesse con gli elementi del fuoco e del maialino ed il ciclo del carnevale, formano il momento rituale tradizionale più sentito nella civiltà contadina abruzzese; una celebrazione collettiva di valori riconosciuti in cui risalta il carattere non trascendente ma umano della religiosità popolare.

Un tempo la questua per Sant’Antonio, ossia l’atto di girare di casa in casa da parte di squadre (gruppi) di cantori e suonatori, durava cinque-sei giorni sino al 17 di gennaio e  rappresentava per la squadra l’occasione di raccogliere beni alimentari di reale valore economico; in pratica vi era lo scambio tra i poteri magico-propiziatori portati dalle squadre di suonatori e l’offerta di beni alimentari (salsicce, formaggio, uova e galline), oggi mutata in piccole somme di denaro, elargita dai padroni di casa oltre ad un rinfresco.

Una menzione speciale meritano li cillitte de Sand’Andonie, dolci farciti con la tipica marmellata d’uva abruzzese, la scrucchiata. La tipica forma di uccellino cinguettante è considerata di buon auspicio per il futuro raccolto ed è presente anche nelle raffigurazioni delle tradizionali conche di rame o nei fischietti di ceramica.

Molte registrazioni sul campo dei canti rituali di questua sono disponibili presso l’Archivio Sonoro dell’Abruzzo.

A Cermignano (TE), nei giorni di Venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 gennaio 2017, dalle ore 18, gruppi itineranti rievocheranno le tentazioni dell’Eremita e l’eterna lotta fra Bene e Male.Tre giorni di festeggiamenti, canti, balli e l’occasione per gustare specialità tipiche della tradizione contadina che verranno preparate per l’evento.

festa_di_sant_antonio Cermignano(Fonti: Carlo Di Silvestre per le ricerche sulla Festa)